Quando il Moderno piace: Villa Ollandini, il “Pianoforte”. Jacopo Baccani

Nell’ambito della rassegna “Fragile”, la Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Genova presenta una nuova edizione del ciclo Genova ‘900 curato da Benedetto Besio che propone, quest’anno, tre conferenze monografiche che sarà possibile seguire gratuitamente in diretta web su Formagenova.it oppure, per chi non è interessato al conseguimento dei crediti formativi, sulla piattaforma GoToWebinar, previa la compilazione dei campi obbligatori del form.

Il primo appuntamento, lunedì 19 ottobre dalle 17,30 alle 19,30, è con Jacopo Baccani e la conferenza “Quando il Moderno piace: Villa Ollandini, il Pianoforte”: un’icona della ricostruzione postbellica di Genova e dell’opera di Robaldo Morozzo della Rocca. A causa delle nuove disposizioni anti Covid, l’evento sarà fruibile solamente via web.

Così piccolo, eppure così vistoso. Seduti sotto i pini di Mura delle Cappuccine o passeggiando fra punta Vagno e Piazzale Kennedy, è impossibile non soffermarsi con lo sguardo su quella strana onda di vetro. Da più di sessant’anni fa capolino nello skyline della Foce con il suo volume contenuto ma deciso, e per un pomeriggio sarà ospite a Palazzo Ducale. È il “Pianoforte”, progettato da Robaldo Morozzo della Rocca sulle rovine di Villa Ollandini.

Jacopo Baccani (Savona, 1978) è architetto, fotografo e documentarista. Dal 2015 collabora a vario titolo con la Fondazione dell’Ordine degli Architetti Genova, per conto della quale cura la piattaforma tematica www.urbantv.eu. Dal 2018, inoltre, collabora con l’Ordine degli Architetti di Savona.

La conferenza assegna 2 CFP per gli architetti.

Modalità di iscrizione (obbligatoria)

La prenotazione è obbligatoria, effettuando la registrazione ed acquistando il webinar sulla piattaforma www.formagenova.it oppure, per chi non è interessato al conseguimento dei crediti formativi, sulla piattaforma GoToWebinar, previa la compilazione dei campi obbligatori del form.

Media partner

Da oltre 90 anni la rivista punto di riferimento internazionale per l’architettura, il design e l’arte contemporanea. Da sempre fonte di ispirazione per gli architetti e i designer di tutto il mondo, Domus celebra l’eccellenza progettuale, ideativa e creativa. Vitalità, autorevolezza e longevità sono garantite dalle numerose firme prestigiose che hanno guidato il magazine: Gio Ponti, Alessandro Mendini, Mario Bellini, Stefano Boeri, Michele De Lucchi, solo per citarne alcuni, fino all’attuale guest editor David Chipperfield. Attorno al brand un sistema (rivista, sito, social media, eventi, formazione, curatele) che conferma la voglia di guardare al futuro, scommettendo sulle migliori competenze.

Domus, empowering inspirational thinkers. Since 1928.